Crea sito

Eventi

Elevazione e pericolo: la sfida etica della montagna

Cari amici gaudenti,

se siete appassionati scalatori e se ogni fine settimana vi armate di corda e moschettoni per raggiungere la corona delle spettacolari Alpi, preparatevi per una serata dalla quale, siamo certi, uscirete arricchiti.

L’alpinismo è una strana attività che ha trovato varie definizioni, ma non quella fondamentale che è, appunto, elevare l’intero essere umano sia con lo spirito, sia col corpo.

Queste le parole di Spiro Dalla Porta Xydias, leggendario alpinista, scrittore e vero e proprio genio romantico della montagna, che ha dedicato la sua lunga vita (è scomparso qualche mese fa a 99 anni) a un amore incondizionato e puro per la roccia.

A questo maestro e alla sua visione etica ed estetica dell’alpinismo è dedicato l’incontro L’aiuto rischioso. Questioni di etica della montagna a partire dal ricordo di Spiro Dalla Porta Xydias. Martedì 9 maggio alle ore 21:00, la sede padovana del CAI (Club Alpino Italiano) sarà teatro di una serata di approfondimento del delicato problema etico del soccorso alpino tra valutazione dei pericoli e vocazione all’aiuto del prossimo. L’evento offrirà l’occasione di dibattere sulla relazione uomo-montagna, fondata sul rispetto per il territorio, ma anche sull’avventura a cui chiamano le altezze, in un intreccio tematico che non si fonda sul solo tecnicismo, ma che coinvolge l’alpinista nel corpo e nell’anima. 

L’importanza di creare un rapporto responsabile con la montagna si manifesta spesso in situazioni di rischio: Giovanni Gandi (docente di filosofia morale dell’Università di Padova e volontario del CNSAS del Friuli Venezia Giulia) e Rodolfo Selenati (presidente del CNSAS Servizio Regionale Veneto) introdurranno le tematiche più controverse del soccorso alpino. Con la moderazione di Simone Grigoletto (ricercatore all’Università di Padova e direttore del Centro Studi Veneto Jacques Maritain) ci si interrogherà sulle regole e le massime per chi pratica attività sportive rischiose, proponendo delle soluzioni all’interrogativo spinoso: In montagna è sempregiusto soccorrere chi è bisognoso d’aiuto? 

Come ha spesso sostenuto Spiro Dalla Porta Xydias, l’alpinismo è la possibilità, per l’uomo, di elevarsi: è il dono dell’ascensione, così come dell’ascesi. Praticarlo con amore, rispetto e responsabilità, tanto per l’ambiente quanto per gli altri, è il compito e la sfida per lo scalatore.

Amanti della montagna e spiriti indomiti bramosi di altezza, vi aspettiamo numerosi martedì 9 maggio alle 21:00 in Via Gradenigo 10. Vi ricordiamo che la serata, promossa dal Centro Studi Jacques Maritain e dal CAI e con ingresso libero, sarà l’occasione perfetta per condividere la vostra passione per la roccia e per elevarvi, almeno nello spirito, in attesa di farlo anche fisicamente con la prossima scalata!

 

 

 

Padotopìa: in viaggio verso l’isola che c’è

Qualche tempo fa ci è capitato di incrociare lo sguardo con un occhio vivace e curioso, che osserva realtà padovana da una prospettiva nuova: abbiamo conosciuto Padotopìa.Padotopìa cerca, promuove e costruisce la bellezza e la cultura nella nostra città, mettendosi concretamente al servizio dei cittadini, come abbiamo recentemente scoperto. Infatti, una dozzina di giorni fa, mentre vagabondavamo alla ricerca di un calice di vino per chiudere in bellezza la settimana, siamo capitati sotto al Salone che – sorpresa! – era ancora aperto e animato a “ore piccole” come le otto e mezza di sera! Incuriositi dalle voci e dall’atmosfera frizzante, non abbiamo potuto non avvicinarci.

Siamo stati immediatamente coinvolti in un brillante e appassionante dibattito sul futuro del nostro amato Salone.Per chi non fosse solito bazzicare il centro verso l’ora di cena, il Salone del Palazzo della Ragione, prezioso scrigno di delizie enogastronomiche e prodotti unici, sta lentamente perdendo il suo antico splendore, sottoposto a regolamenti che soffocano le iniziative più interessanti, che impongono orari di apertura limitati e battenti serrati nei giorni di festa. Così il Salone non può trasformarsi in un luogo di accoglienza e di ritrovo per padovani e non padovani nel cuore del centro storico. L’occhio attento di Padotopìa ha osservato questa situazione ormai sclerotizzata e ha deciso di fare qualcosa di concreto per cambiarla.

Abbiamo scoperto che Padotopìa sta elaborando un progetto, con l’aiuto di architetti e con la mediazione della soprintendenza, che consenta al cuore di Padova di tornare a battere e ad emozionare…noi gaudenti plaudiamo con

entusiasmo a quest’iniziativa perché non stiamo nella pelle all’idea di avere un mercato di street food di qualità in centro! Se siete curiosi di capire di che si tratta, godetevi questo video: https://www.facebook.com/padotopia/videos/161545334370189/

La moderatrice Beunida Shani presenta l’architetto Giovanni Furlan

Padotopìa ci ha preso per la gola, ma sono le sue potenzialità e il suo approccio energico che ci hannoconquistato: non si tratta di constatare pigramente quel che “si dice” in città e quel che non funziona, ma di mettersi all’opera in prima persona. Ed è proprio questo che fanno i ragazzi che, per primi, hanno sognato una Padova diversa, una utopia patavina, che riunisca in un abbraccio (o sotto un unico sguardo) la storia della nostra città e il suo futuro, un avvenire non solo auspicato, ma progettato con amore. Padotopìa non è solo uno sguardo lanciato a un orizzonte agognato e lontano,è attenzione al presente e azione nel presente. Qui potete tenervi costantemente aggiornati su questa realtà originale ed esuberante: https://www.facebook.com/padotopia/

Padotopìa ha già segnato la rotta per l’isola che c’è e noi di Gaudeamus siamo entu

siasti di percorrerla, insieme a chiunque altro abbia voglia – e un pizzico di coraggio – di mettersi in viaggio.

Quanto prima vi racconteremo le nuove tappe di questo itinerario verso l’isola che c’è. Per il momento vi consigliamo di restare sintonizzati: i prossimi appuntamenti si preannunciano succulenti e interessanti e non vediamo l’ora di parteciparvi.

Che ne dite? Curiosi di scoprire a cosa mira il grande occhio di Padotopìa?

Tenetevi pronti a esplorare una Padova inaspettata e a farvi travolgere dall’energia dellpo spirito di Padotopìa perché, come disse Oscar Wilde: “una carta del mondo che non contiene il Paese dell’Utopia non è degna nemmeno di uno sguardo”.

Un nuovo sguardo al Salone @ enoteca Il Tira Bouchon
 

Domenica 7 tutte in fuxia: torna la PINK RUN!

Anche quest’anno la città si prepara a essere attraversata da un’onda fuxia di energia e di passione: torna la Pink Run!

La corsa non competitiva riservata alle donne arriva alla sua ottava edizione e Prato della Valle, come ogni anno, sarà teatro di due giorni di festa.

Già dalle 12:00 di sabato 6 maggio sarà possibile aderire all’iniziativa, iscrivendosi presso gli stand adibiti (per chi non l’avesse già fatto on line) e ritirando il pacco corsa contenente l’iconica pink t-shirt e tante sorprese degli sponsor.

Il costo dell’iscrizione online è di 11 euro (compresa la transizione bancaria) e potete effettuarla qui: http://manager.pinkrun.it/iscrizione

Dalle 1 5:00 di sabato potrete partecipare alle attività promosse da numerose palestre padovane e dalle 19:00 inizia il Pink party! Dj set e animazione musicale vi introdurranno alla serata di frizzante comicità di Omar Fantini e dei Poveri di Sodio. La festa prosegue anche tutta domenica, inoltre, per noi golosoni sarà possibile sollazzarsi nell’area ristoro, dove si possono parcheggiare familiari pigri e fidanzati brontoloni domenica pomeriggio…ma per le donne nessuna scusa è valida!

 

Alle 18:00 di domenica si parte! Un suggestivo percorso di 8 km tingerà le vie del centro di quel rosa acceso, simbolo dell’impegno e della vivacità delle donne…perché correre la pink run vuol dire metterci il cuore. La corsa infatti nasce per una buona causa ed è l’occasione per raccogliere fondi per la ricerca o per associazioni benefiche.

Quest’anno due sono le Onlus alle quali sarà devoluto il ricavato delle iscrizioni (al netto delle spese):

L’Associazione Viviautismo Onlus, creata da padovani, genitori o parenti di ragazzi autistici, impegnata nell’ascolto e nella presa in carico delle esigenze, spesso trascurate, di chi vive questa realtà, spesso ancora considerata di poca importanza. L’associazione si impegna a realizzare percorsi terapeutici abilitativi che permettano il raggiungimento della massima autonomia possibile da parte ragazzi con disturbi dello spettro autistico. Qui potere trovare tutte le informazioni su questa organizzazione e sul loro costante impegno: http://www.viviautismo.org/

L’A.I.Pro.S.aB.- Associazione Italiana Progeria Sammy Basso è una Onlus vicentina che nasce per sensibilizzare e finanziare la ricerca su una malattia rarissima, la Progeria. Sammy Basso, che ricordiamo di aver conosciuto la prima volta in un servizio televisivo che ci aveva lasciati senza parole, è un ragazzo simpaticissimo e intelligente affetto da Progeria (sindrome da invecchiamento precoce), malattia genetica che ha molto in comune con l’invecchiamento naturale che colpisce tutti noi. Infatti i bambini con Progeria sono geneticamente predisposti a malattie del cuore, infarto, angina-pectoris, pressione alta, insufficienza cardiaca, cuore ingrossato, tutte malattie tipiche delle persone anziane: trovare delle cure per la Progeria significa aiutare chiunque abbia problemi di cuore. Se volete saperne di più leggete qui: http://www.progeriaitalia.org/ita/index.php

Anche se siete un po’ fuori allenamento vale la pena provare a fare qualche passo tutte insieme domenica, magari con i vostri amici quadrupedi.

Carissime amiche tirate fuori le scarpe da ginnastica e unitevi alla Pink Wave padovana!

 

 

Cosa facciamo a Pasquetta?

Sì, lo sappiamo che il meteo potrebbe essere avverso perché, come ci ha ricordato un anziano vicino di casa, c’era il sole sulle palme, quini “piove sui ovi”, ma noi siamo ottimisti e confidiamo che il prossimo fine settimana sia assolato…o almeno non bagnato.

Come ogni anno, il dilemma del “cosa facciamo a Pasquetta?” è stato al centro delle nostre discussioni e di interminabili giri di telefonate e chat di gruppo. Se non avete ancora scaldato le griglie e adottato fusti di birra destinati a una vita brevissima, vi suggeriamo qualche idea per spassarvela con gli amici nel lunedì più felice dell’anno.

Se avete bisogno di rilassarvi, ma non volete rinunciare a un pranzo gustoso, vi consigliamo di trascorrere la giornata di Lunedì immersi nelle acque benefiche delle terme Preistoriche (via Castello 5, Montegrotto). Per l’occasione, il team delle preistoriche vi invita a tuffarvi in piscina dalle 9:30 (fino a mezzanotte), per poi concedervi un aperitivo e un pranzo a buffet con l’accompagnamento musicale di Ale Pascali & Blubordò Vocal Ensemble. Se invece sapete che sarete troppo satolli dal pranzo pasquale, potete scegliere l’ingresso pomeridiano (a partire dalle 16:00) e concludere il week end lungo in ammollo o a bordo piscina. Il costo per la giornata intera è di 65 € a persona (29 € per il pomeriggio) e l’evento si terrà anche in caso di pioggia. Potere

prenotare la vostra pasquetta “spa” chiamando il numero: 049 793477

Per i più avventurosi (o golosi) c’è invece la caccia alle uova di Villa Vescovi (via dei Vescovi 4, Luvigliano)! Dalle 11:00 potrete cimentarvi nella ricerca delle uova nel meraviglioso parco della villa, ma anche godervi un pic nic o un brunch campestre preparato dalla caffetteria di Villa Vescovi. Un evento perfetto per famiglie, visto che i genitori potranno “parcheggiare” i passeggini mentre i loro pulcini saranno coinvolti in giochi di gruppo e laboratori creativi, ma anche a una misteriosa caccia al tesoro che promette una golosa sorpresa. La villa è meravigliosa e fa parte del nostro inestimabile patrimonio Fai, se non la conoscete, Pasquetta può essere l’occasione perfetta per scoprirla. Se l’idea vi stuzzica, potete ottenere tutte le informazioni utili chiamando lo 049/9930473 o scrivendo a faivescovi@fondoambiente.it

Se invece volete fuggire dalla città e immergervi nella natura dei nostri colli Euganei, potete visitare l’allegra fattoria Frassanelle (via Frassanelle 14, Rovolon) che vi invita a stendere coperte sul prato per pic nic e pranzi al sacco, Il catering Rubini è pronto a sfamare anche i più pigri e potete concedervi una fresca pausa grazie all’adorabile furgoncino dei gelati Mami e le birre artigianali dei birrifici Birdò e Monterosso. Non può però mancare l’aperitivo: dalle 17:00 si brinda e si festeggia a suon di musica!
L’ingresso è gratuito. Se invece volete visitare il parco della fattoria e le sue magiche grotte, riaperte dopo la pausa invernale, ripulite e arricchite di nuovi percorsi per esploratori gaudenti.

Fotografi provetti o aspiranti reporter, per voi c’è un contest fotografico imperdibile. Immortalate le vostre avventure di Pasquetta e condividetele su instagram taggando @frassanelle e usando gli hashtag #frassanelle e #pasquettafrassanelle. Le tre foto più belle saranno premiate con un premio a sorpresa. La fattoria e il parco offrono scorci suggestivi e angoli segreti che aspettano solo voi!(ingresso al parco: € 5,00, bambini da 4 a 12 anni: € 3,00. bambini fino a 4 anni: gratis. Ingresso al parco con visita alle grotte: € 10,00 adulti e € 8,00 bambini fino ai 12 anni, gratis per bambini fino a 4 anni).

Speriamo di avervi dato qualche idea per trascorrere il prossimo lunedì in allegria, senza il patema di dover organizzare da zero la gita fuori porta.

Divertitevi e spassatevela al massimo e, se volete farci sapere come, commentate o postate le vostre foto su instagram con l’hashtag  #gaudeamuspd!

Buona Pasqua a tutti i gaudenti!

 

Ballo in maschera per le vie del centro con Downtown

Pronti per essere catapultati in una fatata padova ottocentesca? Downton Antiquaria, sabato 25 marzo, trasforma la città in un salone da ballo dove incontrare dame eleganti e misteriosi cavalieri, con una colonna sonora d’eccezione.

In occasione dell’apertura della XXX edizione della Fiera Antiquaria (25 marzo – 2 aprile) la nostra città si maschera e ci offre un sabato all’insegna della musica e della danza, grazie al progetto “Downtown Exhibition. La città siamo noi insieme”.

Quante volte si sentono frasi come “Il centro ormai è morto”, “Se non sei uno studente, a Padova ti annoi”? Downtown Exhibition reagisce proprio a queste lamentele con un progetto che ci piace molto e che condividiamo, perché dà voce alla cultura come vero e proprio motore di sviluppo per una nuova vita del centro storico, promuovendo associazioni culturali, attività commerciali e momenti di aggregazione.

Grazie alla sinergia con gli appuntamenti di Padova Fiere, anche il centro diventa una piccola “fiera in città” e torna a essere un luogo di condivisione di esperienze positive: una cornice sontuosa in cui trovano spazio l’allegria, la creatività e l’amore per una città merita di essere vissuta attivmente da tutti. Se siete curiosi, date un’occhiata alla  pagina fb del progetto: https://www.facebook.com/downtown.exhibition/

Come avrete capito, non possiamo non essere incuriositi dal programma di sabato prossimo, che si inaugura con il cocktail in Piazza Sartori offerto dal Padovano café alle 16:00, mentre al ponte delle Torricelle l’atmosfera sarà rallegrata dalle note jazz della band Gypsy Thief, a bordo di una barca degli agli Amissi del Piovego (15:30 – 17:30).

Per gli amanti della musica, le occasioni di divertirsi non mancano: tra le 16:30 e le 18:30, gli allievi del conservatorio Pollini suoneranno musica classica in via Santa Lucia, via Zabarella e Duomo, mentre in via Barbarigo il poliedrico menestrello moderno Max Bizzarro si esibirà in un repertorio italiano accompagnandosi con chitarra, armonica…e naturalmente con il coro del pubblico!

Se avete sempre sognato di volteggiare a suon di valzer, potrete imparare qualche passo dai ballerini della compagnia Società di Danza Padova diretta da Adriana Buico e dalla loro esibizione a tappe in piazza Sartori, via Verdi, via Dante e Duomo. Una fantasmagoria di broccati colorati e pizzi ottocenteschi catturerà la vostra fantasia, ricreando un’atmosfera romantica e suggestiva. I figuranti della Compagnia degli anelli e della Compagnia Teatro in Fiore vi accompagneranno per le vie del centro, coinvolgendovi nelle loro performance – insta-maniaci preparate gli smartphone: i costumi che indosseranno sono strepitosi!

Alle ore 17:00, il Toscanelli in via dell’Arco ospiterà il concerto reading “Il Guasto”, in cui gli attori Anna Garbo e Stefano Razzolini ci racconteranno le memorie della nostra città, con la  regia musicale di Matteo Mancini.

Dopo questa scorpacciata di danze, musica e performance, sarà possibile dissetarsi in compagnia di attori, ballerini e musicisti e figuranti in Galleria Duomo con il cocktail conclusivo offerto da Downtown e allestito dalla Locanda Peccatorum a partire dalle 18:30.

Noi non mancheremo, stiamo già lucidando gli obiettivi per mostrarvi tantissime foto dell’evento… E vi consigliamo di farlo anche voi, visto che scattando una foto con le sagome che troverete in giro per la città  e pubblicandola con l’hashtag #downtownexhibition potrete vincere i biglietti per la Fiera Antiquaria.

Pronti a tuffarvi nella Padova ottocentesca – ma anche jazz e irriverente – che ci accoglierà sabato?

In fondo alla pagina trovate il programma completo delle attività. Diteci quale di queste iniziative vi attira di più e postate le vostre foto sulla nostra pagina Fb: https://www.facebook.com/gaudeamusblog o taggate il profilo instagram della nostra admin: https://www.instagram.com/lorenzabc

a presto!

— Miss en Abîme

il programma completo dell’evento

 

 

 

Vivere bene è anche prevenire

Cari amici Gaudenti,

oggi vorremmo segnalarvi un’iniziativa forse meno godereccia del solito, ma estremamente importante. In occasione della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica, la LILT (lega italiana per la lotta ai tumori) si schiera in prima linea a Padova.

Sabato 18 marzo dalle 10:00 alle 18:00 davanti a Palazzo Moroni troverete un ambulatorio mobile allestito dalla LILT in cui medici e volontari vi offriranno informazioni e visite gratuite di prevenzione contro il melanoma cutaneo.

Come ormai saprete, siamo sempre attenti anche al lato gourmand delle cose, e in questa occasione saremo lieti di portare a casa una bottiglia di olio d’oliva, il re della nostra amata dieta mediterranea. Per tutta la durata dell’iniziativa, infatti, i volontari LILT offriranno – in cambio di un contributo a sostegno della LILT – la bottiglia di olio extravergine di oliva, con un opuscolo ricco di consigli per un sano stile di vita.

L’olio è da sempre considerato elisir di salute e bellezza: pare che il segreto della longevità dei contadini di Creta fosse quello di bere un bicchiere d’olio ogni mattina! Noi non arriviamo a tanto, ma siamo contenti di poter condire i nostri piatti con un concentrato di antiossidanti, che regola il colesterolo, aiuta a digerire…ed è buonissimo!

Un’altro evento organizzato da LILT questa settimana, invece, vi farà sporcare le mani e provare nuovi esperimenti culinari: martedì 21 alle ore 18:30 allo SPAZIO LATO in piazza de Gasperi 16 potrete ascoltare tutto sulla “Dieta corretta…Prevenzione perfetta” (evento su prenotazione). In questo incontro Medici Specialisti dell’Istituto Oncologico Veneto vi racconteranno tutti le regole per una buona alimentazione, ma non vi lasceranno a bocca asciutta.

L’artista del vegetariano, la vivace e creativa signora Cristina Biollo vi svelerà tanti trucchi per preparare piatti coloratissimi, saporiti e sani. Se non conoscete la signora Cristina, vi suggeriamo di imboccare le gallerie del Salone e lasciarvi incantare dalle bellissime proposte veg del suo negozio, di cui vi parleremo molto presto.

Speriamo di avere stuzzicato il vostro appetito e la vostra curiosità, perché questa volta è per una buona causa!

— Miss en Abîme