Cari Gaudenti,

oggi vi vogliamo parlare di Silvia e del suo magico angolo fashion: Margi Vintage & Luxury (in via San Pietro 101, vicino al Teatro Verdi).

Come ormai saprete, siamo sempre felici di raccontarvi tutte le attività e le “chicce” che rendono Padova una città vivace e piena di sorprese, la boutique Margi non fa eccezione.

Da 7 anni, Margi è un punto di riferimento per gli amanti del vintage e per i fashionmaniaci patavini, un negozio specializzato in abbigliamento vintage e usato in cui potrete trovare pezzi unici selezionati con cura (e con occhio esperto) da Silvia, la titolare.

Noi l’abbiamo incontrata quando, presi dalla disperazione del “non-ho-niente-da-mettermi” (ovviamente dell’ultimo minuto), ci siamo intrufolati da Margi, alla ricerca dell’outfit perfetto per uno chicchissimo matrimonio veneziano.

Dopo giorni e giorni di prove di abiti tutto sommato abbastanza scontati, ci siamo ritrovati in un mondo di capi vintage pieni di personalità e di pezzi delle ultime collezioni mai banali. Silvia ha saputo subito interpretare il nostro gusto e, con estrema semplicità, ci ha proposto uno strepitoso abito da cocktail di Diane von Furstenberg, colorato, ma dalle linee sobrie. Inutile dire che ce ne siamo innamorati e che ci ha fatto fare una gran figura…e abbiamo anche scoperto che lo stesso abito è stato indossato anche dalla duchessa di Cambridge Kate Middleton! Sono soddisfazioni!

Da quel giorno, andiamo a trovare Silvia ogni volta che vogliamo indossare qualcosa di speciale per feste, matrimoni, convegni…o anche solo per una cenetta allegra con gli amici. Se è vero quel che diceva Coco Chanel, cioè che bisogna notare la donna, non l’abito, con Silvia si è in ottime mani! L’attenzione e la cura che Silvia mette nello scegliere i capi, il gusto di abbinarli e lo spirito per capire quale sia il pezzo giusto per ogni cliente sono qualità che raramente si incontrano e che difficilmente si possono raccontare. E allora abbiamo deciso di cedere la parola a lei:

Domanda: La passione che metti nel tuo lavoro si vede e si respira anche solo ammirando le vetrine di Margi: da dove nasce questo amore per la moda vintage?

Risposta: È una passione che ho sempre avuto. Ricordo che quando ero piccola passavo i pomeriggi a curiosare negli armadi delle mie nonne. Non erano nonne super modaiole, ma ricordo che mi divertivo a guardare i loro abiti e a provarli. Sono sempre stata affascinata dagli oggetti del passato e indossare quegli abiti mi faceva sentire come se vivessi in un’altra epoca, mi trasportava in un’altra dimensione. Quando ho aperto Margi ho portato in negozio due oggetti che appartenevano alle mie nonne: l’armadio di una e la bicicletta dell’altra; mi piaceva pensare che fossero sempre come me anche in questa avventura nell’universo vintage.

D.: I capi vintage ti trasportano davvero in un altro mondo, purtroppo spesso li si associa solo all’idea di vecchio e démodé e gli abiti usati sembrano aver già esaurito il loro tempo. Qual è il segreto per attualizzarli e renderli di nuovo vivaci e portabili?

R: Il segreto è saperli mescolare a capi più attuali. Una persona vestita interamente vintage magari non sarà “fuori moda”, ma è fuori tempo. Se invece ai nostri nuovissimi jeans abbiniamo una giacca anni ’80 o una camicetta anni ’70 l’outfit sarà originale e fresco. Un pezzo vintage rende speciale e unico chi lo indossa, il segreto è portarlo con naturalezza. Ci vuole il giusto mix!

Un abito lungo in fantasia è perfetto anche per il giorno con i giusti accessori

D.: In effetti ci sono capi intramontabili che sono sempre attuali. Quali sono i must have dello stile del passato che ogni donna dovrebbe avere?

R.: Naturalmente la giacca Chanel e il tubino nero, sempre di Chanel. Sono irrinunciabili! E le borse di Hermes sono sempre elegantissime, il design è davvero senza tempo. E infine un altro capo straordinario è lo smoking da donna disegnato da Yves Saint Laurent: carattere e stile in un capo attualissimo.

D.: L’eleganza di questi capi è assoluta e per fortuna gli stilisti continuano a reinterpretarli e riproporli sempre nelle loro collezioni. Che cosa, invece, “cestineresti” della moda di oggi?

R.: Senza dubbio cestinerei l’omologazione: si vedono ragazze e donne vestite tutte uguali, si è perso il gusto personale. Il bello della moda è poter scegliere come esprimersi e non seguire solo le mode passeggere. Poi cestinerei la scarsa qualità con cui i capi sono realizzati: ci sono abiti degli anni ’60 che sono ancora perfetti e t shirt di un anno fa sfilacciate e sbiadite.

Disco Style per le notti estive: pura luce…e un pizzico di ironia

D.: Questo è uno degli aspetti più interessanti della moda vintage: lo stile si unisce alla qualità. Indossare capi vintage non impedisce affatto di essere alla moda. Quali sono i trend di quest’estate che abbiamo ereditato dal passato?

R.: Gli abiti lunghi sono di forte tendenza. Sono perfetti per questa stagione…e non solo per la sera: una fantasia fiorita, fresca e allegra, rende un abito lungo portabile anche di giorno. Poi suggerirei di tirare fuori i pantaloni a zampa, e non solo in jeans: un una zeppa e una blusa morbida sono l’ideale per affrontare anche le ultime giornate in città prima di partire per le vacanze. Un altro trend che ci accompagna nelle serate estive è lo stile “disco”: via libera a tessuti preziosi e luccicanti che esaltano l’abbronzatura e si illuminano sotto le stelle cadenti o i fuochi d’artificio di ferragosto.

Toni delicati per i pantaloni a zampa abbinati a una blusa morbida e sandali con le zeppe

Che ne dite? Siete curiosi di provare qualcuno dei capi intramontabili selezionati da Silvia? Rifatevi gli occhi con le proposte che trovate alla pagina Facebook di Margi: https://www.facebook.com/margivintage  Se, invece, avete quel bell’abito firmato che non mettete più, ma che vi dispiace lasciare nell’armadio e far venire l’acquolina alle tarme, Silvia è sempre disponibile a valutarlo ed eventualmente acquisirlo in conto vendita (vi consigliamo di prenotare un appuntamento telefonando allo 049 8759967).

Noi siamo ancora più convinti che l’universo vintage ci possa far rivivere storie e tempi sconosciuti, ma anche accompagnare nelle nostre avventure quotidiane e vi consigliamo di fare un salto a conoscere Silvia!